PLIC PLAC
Conserva di peperoni sott’olio fatti in casa

Tra le tante conserve fatte in casa che si tramandano, preparano e consumano in Puglia (specificatamente a Martina Franca e in Valle d’Itria), va segnalata la “Plic Plac” (per alcuni, “placca”), una conserva dal sapore genuino, a base di peperoni sott’olio da splamare generalmente su fette di pane casereccio, bruschette, crostini o come contorno per accompagnare secondi di carne o pesce. Il suo singolare nome deriva dal suono onomatopeico che producono le forbici mentre tagliano i peperoni a pezzettini (o a listarelle), appunto “Plic, Plac”. La produzione e il consumo di questa conserva, nascono dall’esigenza di conservare gli ortaggi disponibili in abbondanza nella stagione estiva per farne scorta in vista dell’inverno, in nome di una cucina semplice e genuina. Solitamente, il periodo più indicato per la produzione della “Plic Plac” è il tardo periodo estivo, proprio perché tra le tante varietà esistenti, i peperoni di fine stagione sono i più carnosi e un po’ meno acquosi. Si conservano in vasetti sterilizzati e bolliti. Questa conserva, a Molfetta e Giovinazzo (che se ne contendono la paternità), prende il nome di “Pric Prac”.

INGREDIENTI
– peperoni rossi
– sedano
– sale grosso q.b.
– olio evo
– “boccaccetti” (vasetti di vetro sterilizzati)

PROCEDIMENTO
1. Lavare accuratamente i peperoni, tagliare il gambo, dividerli a metà ed eliminare semi e filamenti.
2. Con le forbici, fare “plic plac”, tagliando i peperoni a listarelle e poi a piccoli quadretti.
3. Lavare il sedano e tagliarlo a piccoli quadretti.
4. Sistemare peperoni e sedano in uno scolapasta e ad ogni strato distribuire una generosa manciata di sale (il sale aiuta a eliminare l’acqua di vegetazione e permette una buona conservazione).
5. Devono stare sotto peso per circa 24 ore per eliminare l’acqua di vegetazione.
6. Trasferirli in un tegame, con olio evo q.b. e bollirli per circa mezz’ora.
7. Riempire i vasetti comprimendoli bene e coprirli completamente con olio di cottura.
8. Chiuderli e farli bollire per circa 10 minuti.
9. Una volta raffreddati, possono essere subito gustati oppure conservati in un luogo fresco.
10. Una volta aperti, vanno conservati in frigo.

(Martina Franca, Puglia)

CONDIVIDI
Menu